Legge elettorale, la Camera approva il Rosatellum con 375 sì e 215 no

Ora testo passa al Senato

La Camera ha approvato il Rosatellum 2.0 con 375 sì 215 no. La legge elettorale va ora in Senato. Dopo tre votazioni di fiducia, il testo viene approvato con voto segreto superando la barriera dei franchi tiratori. Lo attende il vaglio del Senato, con una possibile nuova fiducia. Intanto, il tour de force alla Camera lascia il segno con un carico di polemiche in cui a tenere banco sono state le proteste in piazza del Movimento Cinque Stelle e della sinistra. Con lo strascico della norma definita dai 5 stelle e da Mdp 'salva- Verdini' che consente a chi è residente in Italia di potersi candidare anche nelle circoscrizioni estere. Il Rosatellum crea ulteriori spaccature nel centrodestra, con Lega e Forza Italia a sostegno della legge ed Fdi posizionato sul fronte del no. Pur senza entrare nei dettagli, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni guarda con attenzione all'approvazione della legge: "Non e' il tempo dell'irresponsabilità - osserva il premier - al di la' di ogni comprensibile tensione politica dobbiamo mettere al primo posto l'Italia. Per quanto riguarda il governo si farà ogni sforzo per giungere ad una conclusione ordinata della legislatura". L'aula della Camera si trasforma subito dopo il via libera al Rosatellum. Da tesa e silenziosa si divide a metà: esultanza nei banchi del Pd e palese delusione dalle parti della sinistra e del Movimento 5 Stelle. Dopo aver applaudito a lungo, il capogruppo Ettore Rosato che a questa riforma ha dato il suo nome, i Dem si sono alzati in piedi battendo le mani e gridando di esultanza. Sguardi bassi e nessun commento soprattutto tra i 5 Stelle, alcuni dei quali restano seduti al proprio posto mentre l'emiciclo comincia a svuotarsi. Capannelli tra i Dem che si fanno i complimenti a vicenda e vanno ad abbracciare Rosato che resta in piedi vicino al suo scranno sorridente come non mai. Rosato cita Iotti, dura lex sed lex - Il capogruppo Pd alla camera Ettore Rosato, nel suo intervento alla Camera, cita Nilde Iotti che, nella Seduta del 24 gennaio 1990, disse: "Finchè il regolamento è questo, anche se posso comprendere ed in una certa misura condividere le preoccupazioni che sono state manifestate da molte parti (...), vale l'antico principio 'dura lex, sed lex', al quale non possono esservi eccezioni". Brunetta, grande soddisfazione, ok buona legge" -Grande soddisfazione per il via libera della Camera dei deputati al Rosatellum bis. Il gruppo di Forza Italia è stato leale e coerente, abbiamo mantenuto gli impegni presi con gi altri gruppi parlamentari che hanno sostenuto questa legge elettorale". Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. "Abbiamo sempre sottolineato la necessità - aggiunge - che le norme sul voto fossero una prerogativa del Parlamento e oggi abbiamo adempiuto, in modo responsabile, al nostro dovere di legislatori. Un ringraziamento a tutti i deputati azzurri e in particolare al nostro capogruppo in Commissione affari costituzionali Francesco Paolo Sisto, agli altri membri Annagrazia Calabria, Elena Centemero, Laura Ravetto, che insieme a Roberto Occhiuto (che per Forza Italia ha seguito questo delicato dossier) e a Gregorio Fontana hanno contribuito in maniera determinante, con il loro lavoro, alla buona riuscita di questo delicato iter parlamentare". "L'Aula di Montecitorio - conclude l'esponente azzurro - ha approvato una buona legge, frutto di un compromesso, la migliore possibile nella situazione attuale. Adesso auspichiamo che il testo venga approvato in tempi rapidi anche dal Senato". Di Maio: 'Non ci fermano, protesta anche al Colle' - "Il corso della storia non si ferma con una legge. Andatevi a riposare perché vi dovete preparare per portare la protesta la prossima settimana in Senato". Lo afferma Luigi Di Maio dal palco della protesta M5S in piazza annunciando anche manifestazioni davanti "al Quirinale" per chiedere che il presidente Sergio Mattarella non firmi la legge. "La percezione degli italiani è chiara, provano a fermarci ma il consenso per il M5S aumenta", attacca Di Maio.

Ok Camera, piazza M5s grida vergogna  - "Vergogna, vergogna". La Camera approva la legge elettorale e la piazza M5S urla vari slogan. "Maledetti, maledetti. Buffoni, massoni", i più ricorrenti. M5s e sinistra continuano nella loro battaglia. In piazza Montecitorio ci sono i sostenitori dei cinque stelle.

Ansa

0 commenti alla notizia
Redazione, 13/10/2017 06:11:51

Lascia il tuo commento

Per vedere il tuo commento pubblicato dovrai validarlo.
Riceverai quindi una mail con un link per validare il commento.

Attenzione: tutti i campi sono obbligatori!

Nome
E-mail pubblica
Il tuo commento
Consenso alla privacy Accetto NON Accetto
Consenso a ricevere
comunicazioni commerciali
Accetto NON Accetto







Scrivi tu il primo commento!