Rancore e vittimismo: due brutte malattie

Negli ultimi tempi si parla spesso di vaccini, chissà se esistono anche per prevenire due delle malattie più diffuse di questi ultimi tempi: il rancore e il vittimismo. Il rancore non dà tregua a chi lo prova, ovviamente questo tarlo che rode porta ad inquinare la qualità della vita e delle relazioni. Il vittimismo invece ti fa vedere il male da tutte le parti e non ti fa ragionare in maniera lucida. Diciamo che nascondono le loro frustrazioni dando le colpe agli altri. Sentimenti questi da sempre presenti nell'uomo ma che oggi, con la complessità della nostra società, stanno raggiungendo livelli intollerabili, anche per le persone che stanno vicine a questi individui che vengono colpiti da quelle che stanno diventando delle vere "malattie". Una cosa è certa: se non si interviene in qualche modo per scioglierli o trasformarli, il rancore e il vittimismo crescono nel tempo fino a un punto in cui potrebbero non essere più controllabili e gestibili.

0 commenti alla notizia
Redazione, 15/05/2017 14:49:07

Domenico Gambacci (1961)

Imprenditore molto conosciuto, persona schietta e decisa, da sempre poco incline ai compromessi. Opera nel campo dell’arredamento, dell’immobiliare e della comunicazione. Ha rivestito importanti e prestigiosi incarichi all’interno di numerosi enti, consorzi e associazioni sia a livello locale che nazionale. Profondo conoscitore delle dinamiche politiche ed economiche, è abituato a mettere la faccia in tutto quello che lo coinvolge. Ama scrivere ed esprimere le sue idee in maniera trasparente. d.gambacci@saturnocomunicazione.it

Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.

Lascia il tuo commento

Per vedere il tuo commento pubblicato dovrai validarlo.
Riceverai quindi una mail con un link per validare il commento.

Attenzione: tutti i campi sono obbligatori!

Nome
E-mail pubblica
Il tuo commento
Consenso alla privacy Accetto NON Accetto
Consenso a ricevere
comunicazioni commerciali
Accetto NON Accetto







Scrivi tu il primo commento!