Riflessioni al fresco...

Mi rimane ogni giorno più pesante il tempo trascorso nella mia Nazione, che ho amato ed amo tantissimo ed è forse per questo che mi risulta pesante, perché mi rendo conto che sono circondato da persone le quali sembra non abbiamo alcun interesse per il posto dove vivono,per il modo nel quale vivono, tutte le persone, siano esse comuni oppure di ceti superiori o preposte a dirigere e governare, decidere e programmare...mi sento spesso solo a tentare di combattere le storture quotidiane che esseri senza scrupoli,ne onore o rispetto,perpetrano ai danni della collettività per i loro personali intrallazzi. Mi trovo spesso a scrivere sotto i links i miei personali umori su questa o quella notizia, convinto che possa servire a qualcosa, che qualcuno che frequenta i Palazzi legga e si renda conto che l'umore del popolo non è dei migliori, poi mi rendo conto che non è così come vorrei, altrimenti mi avrebbero già bloccato da un pezzo su questo social e forse avrei ricevuto la visita della Digos a domicilio per le mie incitazioni alla rivolta, i miei insulti a questo o quel politico.a questa o quella istituzione. D'altronde mi accorgo che non posso stare a guardare mentre smontano pezzo pezzo una Nazione costruita pezzo pezzo col sacrificio ed il sangue da chi ci ha preceduto, permettendoci di vivere un mondo comodo e quasi efficiente senza sprecare una goccia di sudore e mi vergogno di non riuscire a fare niente di concreto affinchè questo finisca ieri. Ho trascorso i miei anni fino ad oggi nella cultura di valori e canoni trasmessi dai miei genitori, cercando di seguirli, di non fare troppi danni nella mia avventata distrazione ed oggi devo assistere basito e succube ad azioni di una nefandezza unica e totale compiute alla luce del sole da personaggi quanto meno discutibili, gente che non eletta da nessuna consultazione, imposta dai poteri economici, si adopera a smantellare storia e civiltà, regole acquisite e diritti, con arroganza e superiorità,senza criterio o ragionamento, come killers prezzolati ai quali è stato dato un obiettivo da eliminare. Non serve fare nomi di persone o di partiti, sappiamo tutti e bene di chi e di cosa stiamo parlando e questi pochi guitti e cialtroni arrivisti li potrei in ultima analisi anche tollerare quale purulento brufolo da spremere una volta che da fastidio, ciò che non riesco a digerire è l'assoluta cecità di quella parte di cittadini che ancora oggi sostiene,incita e pende dalle parole insensate di 3-4 furbini che si prendono gioco di loro, quelli che in nome della caccia alle streghe hanno tolto fondi alle pensioni,alla sanità, alla sicurezza, quelli che in cambio di una dilazione del debito pubblico ( che non esiste ) stanno riempiendo la Nazione di migliaia e migliaia di africani nullafacenti,nullabisognosi, totalmente mantenuti dallo stataccio, quindi da noi, facendoli passare per profughi di guerre inesistenti, quelli che danno 90 milioni di scudi per un torneo di golf (notissimo sport nazionale italiano) e non hanno ancora messo mano a ricostruire i danni dell'ultimo sisma, quelli che hanno una controfigura che fa il primo ministro diretto a bacchetta dall'ormai notissimo parolaio ex premier,il quale da segretario di partito (partito? il PD?) detta condizioni all'euroba sulla percentuale di sforamento del debito, lo stesso che accortosi di quanto sia scivoloso il terreno sotto i suoi piedi di capra stolta si è trovato a rinnegare l'accoglienza esternando un perentorio ...aiutiamoli a casa loro... ma vaffanculo deficiente e falso.
Non credo di meritare tutto questo, non credo che nessun cittadino della mia età,più grande o più giovane possa meritare di essere bistrattato e preso per il culo da essere indegni di essere appellati persone...bisogna che qualcuno metta mano a raddrizzare questa situazione compromessa e riporti questa Nazione nella condizione di essere chiamata con questo nome.
E' pesante, è veramente molto pesante - Olinto Gherardi -

 

1 commenti alla notizia
Redazione, 12/07/2017 12:11:23

Olinto Gherardi (1956)

Operaio – Scrittore - Apolitico – 21 anni nel Gruppo Sbandieratori di Sansepolcro dall’avvento del Dott. Piero Gennaioli - Scrittore di poesie - Due pubblicazioni nel 2013(Lo Sbandieratore di Emozioni) e 2015 (All’ombra della Torre) con lo pseudonimo di Uguccione de’ Fiaschi – Collabora alla mostra fotografica di Francesca & Angelo Petruzzi, ManiAnime del Borgo 2016 – Attenzione rivolta al territorio, al Borgo ed al suo patrimonio artistico; diretto e chiaro nell’esposizione del pensiero critico, ma costruttivo. Fotografo amatoriale per hobby-Calcio e Pallavolo gli sports seguiti in prevalenza.  redazione@saturnonotizie.it

Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.

Lascia il tuo commento

Per vedere il tuo commento pubblicato dovrai validarlo.
Riceverai quindi una mail con un link per validare il commento.

Attenzione: tutti i campi sono obbligatori!

Nome
E-mail pubblica
Il tuo commento
Consenso alla privacy Accetto NON Accetto
Consenso a ricevere
comunicazioni commerciali
Accetto NON Accetto







commento: inviato da Roberto Cirri, il 16/07/2017 alle ore 14:09:38 (ip:87.3.123.58)
Piena e totale condivisione.In italia lo stato di diritto non esiste,tutto permesso e consentito ,le leggi ci sono (anche troppe)chi ha il compito di controllare e verificare che siano rispettate non adempie al proprio dovere.Chi sottolinea questo viene considerato un disturbatore in quanto non si allinea al motto di farsi i fatti propri,dell' omertà,di far finta di niente,di dover subire senza protestare e chi vuol minimamente tutelare i propri diritti si deve espore e difendere in prima persona.Libertà,rispetto,educazione,senso civico sono termini sbandierati ,ma spesso non praticati e sconosciuti alla maggioranza delle persone.Il tutto ci porta alle considerazioni fatte da Olinto nel suo articolo.
Saluti.