Ieri i deportati: oggi la fuga dei cervelli

La parola deportati mi ha rattristato molto, oramai siamo vicini all'8 settembre giorno dell'armistizio. Nella scuola, dove ho insegnato, pur di lavorare, ho avuto colleghi hanno conosciuto la Lombardia, il Veneto e la Sardegna. Ho conosciuto anche dei deportati nei campi di lavoro nazisti compresi militari che dopo l'8 settembre che dopo la data dell'armistizio scelsero di non continuare ad avere in mano il fucile. Come cittadino del mio comune di Bagno di Romagna e mai ho dimenticato il padre del mio compagno di banco emigrato. Nella ricerca da me effettuata, le richieste di passaporto erano circa il dieci per cento su una popolazione di 10000abitanti, tutto questo succedeva prima della guerra, un modo per sfuggire alle atrocità che si andava incontro. Con il passare degli anni la richiesta per emigrare era scesa all'otto per cento, la popolazione era scesa a ottomila persone. Ora che l'emigrazione si è fermata, incontrando di nuovo quelle persone, in ognuno di loro ho trovato la nostalgia della terra che avevano lasciato, costretti a fuggire per la povertà che li affiancava. All'ora fu fuga di braccia per faticare.  Ora che il tempo la situazione sembra aver rovesciato anche da me sto assistendo  alla fuga delle menti che la nostra scuola ha formato: So che l'insegnate da noi è visto come un missionario ma la gioia della certezza non deve essere sentita come un calvario. In questa mia piccola riflessione ho voluto fare capire in tutti questi anni di come sono cambiate le cose fino ai giorni nostri

0 commenti alla notizia
Redazione, 30/08/2017 12:14:53

Valter Rossi (1946)

Romagnolo doc, ex insegnante al liceo scientifico Augusto Righi di Cesena, nato a Bagno di Romagna e laureato in lettere moderne all’Università di Firenze e in sociologia ad Urbino. Nel 1982 ha usufruito di una borsa di studio dell’Unione Europea, sulla Geografia Economica svoltosi a Berlino in Germania. In collaborazione con l’ANED ha curato la testimonianza sul passaggio del fronte in Romagna e sulla vita dei militari nei campi di concentramento. Assessore dal 1980 al 1985 a Urbanistica e Cultura del Comune di Bagno di Romagna e vice Presidente delle ex Comunità Montana Cesenate. Autore di diversi libri, ha pubblicato: La Memoria e la Speranza, Generazione Superstite, Donne Schizzate e storia di San Silvestro in Fontechiusi. La sua ultima opera: Taccuini di Viaggio..  redazione@saturnonotizie.it

Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.

Lascia il tuo commento

Per vedere il tuo commento pubblicato dovrai validarlo.
Riceverai quindi una mail con un link per validare il commento.

Attenzione: tutti i campi sono obbligatori!

Nome
E-mail pubblica
Il tuo commento
Consenso alla privacy Accetto NON Accetto
Consenso a ricevere
comunicazioni commerciali
Accetto NON Accetto







Scrivi tu il primo commento!