Prostituta uccisa, cold case dopo 50 anni

La Procura di Torino indaga sulla morte di una prostituta, ma il fascicolo è sparito

Dopo 50 anni la Procura di Torino riapre le indagini sull'omicidio di Martine Beauregard, prostituta 25enne di origini francesi trovata morta vicino all'ippodromo di Vinovo il 18 giugno 1969. La testimonianza della moglie di un imprenditore edile, che lo scorso anno si è presentata alla squadra mobile di Torino, ha aperto una nuova pagina sul delitto: il marito, in punto di morte, le ha confessato che suo zio era coinvolto nell'omicidio della bella Martine. L'uomo, subito dopo il ritrovamento del cadavere della ragazza, si era trasferito in Sud America. Per l'omicidio di Martine erano stati arrestati prima il compagno e protettore Ugo Goano, assolto per insufficienza di prove nel '71, poi Carlo Campagna, detto Charlie Champagne. La sua confessione non era risultata credibile e anche lui era stato ritenuto estraneo all'omicidio. Le indagini sono coordinate dal pm Andrea Padalino. Il vecchio fascicolo, però, non si trova: è misteriosamente scomparso anni fa dagli archivi di Palazzo di Giustizia.

Ansa

0 commenti alla notizia
Redazione, 11/10/2017 00:00:00

Lascia il tuo commento

Per vedere il tuo commento pubblicato dovrai validarlo.
Riceverai quindi una mail con un link per validare il commento.

Attenzione: tutti i campi sono obbligatori!

Nome
E-mail pubblica
Il tuo commento
Consenso alla privacy Accetto NON Accetto
Consenso a ricevere
comunicazioni commerciali
Accetto NON Accetto







Scrivi tu il primo commento!