Lo spinacio selvatico

Lo spinacio selvatico rappresenta una specie vegetale perenne le cui foglie possono essere raccolte durante la stagione invernale. Le foglie dello spinacio selvatico possono essere utilizzate fresche e crude nella preparazione delle insalate, oppure possono essere impiegate come ingrediente durante la cottura di zuppe, minestre e risotti, oltre che nella... continua >>>
Redazione

La Melissa, una pianta dalle tante virtù

La melissa è una pianta dalle ottime proprietà calmanti e sedative. In fitoterapia viene utilizzata soprattutto per la preparazione di tisane, soprattutto sotto forma di infuso o di decotto. Se non avete la possibilità di raccogliere la melissa fresca, potete acquistare la melissa essiccata in erboristeria. Cresce come pianta spontanea nei... continua >>>
Redazione

Le azzeruole un frutto ricco di vitamina C

Le azzeruole é un arbusto oggi ornamentale di antica origine mediterranea, presente in forma selvatica soprattutto in collina. Le azzeruole hanno un gusto simile alle nespole, con le quali condividono anche le possibilità di utilizzo. Questi frutti contengono vitamina A e hanno proprietà lassative, diuretiche e antianemiche. continua >>>
Redazione

La Pera Volpina

La Pera Volpina è un frutto antico, in passato cresceva spontaneamente e ha rappresentato per molto tempo un mezzo di sostentamento delle popolazioni montane ma anche preda ambita dalle volpi, di qui il nome buffo di pera volpina.  L'aspetto di questa pera di piccola pezzatura non è particolarmente accattivante: la... continua >>>
Redazione

Frutti dimenticati: mele e pere cotogne

Si ritiene che il cotogno sia originario del Caucaso, pur essendo diffuso nell'area mediterranea e in Cina. La coltivazione di questa pianta ha radici plurimillenarie, anche se oggi è molto rara, in seguito a un forte declino iniziato negli anni Sessanta. Le due principali tipologie di cotogno si distinguono in... continua >>>
Redazione